Cooperativa Sociale "Gli Aquiloni"

Vivere il periodo di isolamento – Istituto Comprensivo Galileo Nicolini – Capranica (VT)

capranica_tema

Come stai vivendo questo periodo di isolamento a causa della diffusione del Coronavirus?

Dal cinque marzo siamo costretti a stare dentro casa a causa della diffusione del Coronavirus. La vita delle persone è cambiata totalmente. Noi ragazzi non possiamo andare a scuola, molta gente ha smesso di lavorare, non si può uscire per fare una passeggiata. Le uniche cose che ci sono permesse sono fare la spesa e comprare le medicine. Questa situazione ha creato un po’ di timore perché il contagio si diffonde rapidamente e tutti temiamo di esserne colpiti. Quelli che escono per i beni di prima necessità devono indossare guanti e mascherine e mantenere le distanze gli uni dagli altri. Io naturalmente dentro casa mia mi sento al sicuro, ma molte cose sono cambiate anche per me. Prima di tutto è cambiato il modo di fare scuola. Adesso la didattica si fa a distanza: i professori organizzano ogni settimana video-lezioni online e così ci ritroviamo tutti dietro uno schermo a seguire la spiegazione. All’inizio è stato un po’ difficile perché non sapevo come usare le varie piattaforme ma pian piano ho imparato e adesso va meglio. Devo dire però che questo metodo di fare scuola non mi piace molto. Mi manca soprattutto il contatto umano con i professori; il rapporto che si stabilisce in classe è molto diverso da quello a distanza. Quando sono a scuola, se non capisco qualcosa durante la spiegazione, posso subito alzare la mano e chiedere di ripetere. Adesso invece non posso farlo, anche perché durante le lezioni la linea è spesso disturbata. Mi mancano anche quei momenti di condivisione tra i compagni di classe durante la ricreazione e anche i momenti in cui i professori interrompono la lezione per spiegarci alcune cose sulla vita. Con i miei amici ci sentiamo al telefono questi tutti i giorni ma non è come quando ci incontriamo al parco tutti insieme per trascorrere un pomeriggio all’aria aperta. Io comunque durante la mia giornata cerco di impiegare il tempo nel migliore dei modi, dedicandomi ad alcune passioni come la musica e l’astronomia. Al mattino faccio i compiti assegnati, cercando di essere puntuale nella consegna e nel pomeriggio invece ascolto molto brani musicali, scoprendo anche nuovi cantanti e leggo dei libri di astronomia che ho comprato quest’anno dopo che avevo seguito per due mesi un corso a Viterbo. Ho iniziato anche a leggere un libro di avventura e la sera seguo le mie serie televisive preferite come “Riverdale” e “Il trono di spade”. Sono sicura che questo momento passerà e ne usciremo tutti più forti. Forse da questa situazione sto imparando a dare maggior valore al tempo e alle persone. Sarò più consapevole di quanto è bello l’abbraccio di un amico e la meraviglia di andare a fare una passeggiata all’aria aperta in piena libertà.

Elena Sansone – Classe 1C – Scuola Secondaria di I grado di Capranica “G. Nicolini”

0 Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.